Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 12319 del 29 novembre 2000

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini della sussistenza del reato di esercizio abitrario delle proprie ragioni, presupposto essenziale č la buona fede dell'agente in ordine alla legittimitā della propria pretesa, per la cui sussistenza č irrilevante, nei limiti della ragionevolezza del convincimento, che l'agente identifichi erroneamente il suo antagonista o ritenga erroneamente coinvolto anche altro soggetto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.