Cassazione penale Sez. II sentenza n. 25999 del 5 luglio 2007

(1 massima)

(massima n. 1)

Il reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni, sia con violenza sulle cose che con violenza alle persone, si consuma nel momento in cui la violenza o la minaccia sono esplicate, senza che rilevi il conseguimento in concreto del fine perseguito. (La Corte ha precisato che il disvalore della condotta č espresso dal modo antigiuridico con il quale il preteso diritto č fatto valere, e prescinde dall'esistenza del diritto stesso e dal suo effettivo soddisfacimento).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.