Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 15118 del 31 marzo 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

Il reato di millantato credito si differenzia da quello di truffa sia perché oggetto della tutela penale č il prestigio della pubblica amministrazione (mentre per la truffa č il patrimonio), sia per la particolaritā del raggiro, caratterizzato da vanterie, esplicite od implicite, di ingerenze e pressioni esercitabili dal millantatore nei confronti del pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio, senza la necessitā che sia speso il nome di quest'ultimo, essendo sufficiente che la vittima sia consapevole che il presunto referente del millantatore sia persona investita di funzioni pubbliche. Di conseguenza non puō escludersi la possibile concorrenza formale in un'unica azione delle due ipotesi delittuose.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.