Cassazione civile Sez. II sentenza n. 4328 del 16 maggio 1997

(2 massime)

(massima n. 1)

Ai beni mobili soggetti ad iscrizione nei pubblici registri, ma di fatto non registrati, non si applica la norma di cui all'art. 1156 c.c., con la conseguenza che la loro proprietÓ pu˛ acquistarsi in attuazione del principio del źpossesso in buona fede vale titolo╗, quando ricorrono le condizioni stabilite dall'art. 1153 c.c.

(massima n. 2)

La buona fede nel possesso, dell'acquirente a non domino di bene immobile va presunta, ai sensi dell'art. 1147 c.c., con la conseguenza che spetta a chi rivendichi il bene, al fine di escludere in favore del possessore gli effetti di cui all'art. 1153 c.c., di fornire la prova della malafede o della colpa grave del possessore medesimo, al momento della consegna. Tale prova pu˛ essere data anche mediante presunzioni semplici, purchÚ gravi, precise e concordanti, e tali da prevalere sull'indicata presunzione legale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.