Cassazione penale Sez. V sentenza n. 25770 del 13 giugno 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

La rateizzazione della pena pecuniaria in ragione delle condizioni economiche della parte, prevista dall'art. 133 c.p., costituisce oggetto di mera facoltÓ discrezionale del giudice, come tale sottratta alla libera disponibilitÓ delle parti. Pertanto, in caso di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell'art. 444 c.p.p., la rateizzazione non pu˛ mai costituire oggetto di accordo negoziale, di guisa che la relativa clausola deve essere considerata tamquam non esset dal giudice che, pertanto, deve disattenderla ovvero, nell'esercizio del suo potere discrezionale, pu˛ anche stabilire un numero di rate diverso da quello indicato dalle parti, senza per questo violare l'accordo negoziale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.