Cassazione penale Sez. Unite sentenza n. 6218 del 4 luglio 1983

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini della configurabilitÓ del reato impossibile, ai sensi dell'art. 49 comma secondo c.p., l'inidoneitÓ dell'azione va valutata in rapporto alla condotta originaria dell'agente, la quale per inefficienza strutturale o strumentale del mezzo usato ed indipendentemente da cause estranee o estrinseche, deve essere priva in modo assoluto di determinazione causale nella produzione dell'evento. L'accertamento di tale requisito, che non pu˛ prescindere dalla considerazione del caso concreto e dal riferimento alla fattispecie legale, deve, perci˛, avere riguardo all'inizio dell'azione la cui inidoneitÓ deve essere assoluta, nel senso che rispetto ad essa il verificarsi dell'evento si profili come impossibile e non soltanto come improbabile. (Nella specie Ŕ stata esclusa l'applicazione dell'art. 49 comma secondo c.p. in un'ipotesi in cui, al fine di źsollecitare la soluzione del problema della droga in sede legislativa e politica╗, era stata offerta la droga a terze persone, con l'asserita certezza che l'offerta non sarebbe stata accolta).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.