Cassazione penale Sez. V sentenza n. 1278 del 3 febbraio 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di falso nummario, la grossolanitą idonea ad integrare gli estremi del reato impossibile (art. 49 c.p.) ricorre solo quando il falso sia riconoscibile ictu oculi dalla generalitą dei consociati espressa dall'uomo qualunque di comune esperienza ed il relativo giudizio va riferito non solo alle caratteristiche oggettive della banconota, ma anche, in considerazione del normale uso delle stesse, alle modalitą di scambio ed alle circostanze nelle quali esso avviene. (Fattispecie riguardante il delitto di cui all'art. 455 c.p., nella quale la S.C. ha disposto l'annullamento con rinvio sul rilievo che la sentenza impugnata, avendo dato atto di una contraffazione «rozza» delle banconote, aveva poi escluso la grossolanitą del falso, significando che esso poteva non essere percepito ove lo scambio fosse avvenuto con frettolositą o in condizioni di luce non favorevoli, senza specificare le modalitą dello scambio in concreto operato).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.