Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 1996 del 18 febbraio 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

In sede di quantificazione dell'apporto causale di pi¨ condotte che abbiano prodotto un evento colposo, qualora si ritenga che un comportamento abbia costituito la causa prima tra tutte quelle che hanno provocato il fatto, tra cui Ŕ compreso quello della persona offesa, la prioritÓ tra le varie condotte pu˛ giustificare un convincimento di preponderanza dell'efficienza causale dell'azione posta in essere.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.