Cassazione penale Sez. III sentenza n. 124 del 13 gennaio 2000

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di abusiva organizzazione di scommesse su competizioni sportive svolgentisi in Stati esteri, il principio di ubiquità accolto dall'art. 6 c.p. comporta che quando nel territorio italiano si effettui anche solo una parte della organizzazione di pubbliche scommesse, come ad es. la raccolta delle puntate, trovano applicazione le disposizioni dell'art. 88 T.U.L.P.S. e della legge 13 dicembre 1989, n. 401, e pertanto l'esercizio senza licenza è punito ai sensi dell'art. 4 lett. c) L. cit., sebbene il resto dell'organizzazione faccia capo a società straniere e i giuochi e le competizioni oggetto delle scommesse si svolgano all'estero.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.