Cassazione civile Sez. I sentenza n. 5255 del 29 maggio 1999

(1 massima)

(massima n. 1)

╚ inammissibile il ricorso per cassazione avverso l'ordinanza che dichiara la tardivitÓ del reclamo proposto ai sensi dell'art. 669 terdecies c.p.c. avverso un provvedimento cautelare, trattandosi di provvedimento non definitivo e non decisorio; tale carattere non muta e non pu˛ parlarsi di pregiudizio altrimenti non riparabile allorquando la causa sia ritenuta in decisione in quanto fino alla pronuncia della sentenza il giudice istruttore pu˛ revocare o modificare il provvedimento e dopo la sentenza tale potere spetta al giudice che l'ha pronunciata.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.