Cassazione civile Sez. III sentenza n. 481 del 15 gennaio 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

L'esecuzione del provvedimento d'urgenza in materia possessoria, secondo la previsione dell'art. 669 duodecies c.p.c., che, dettato per i sequestri, trova applicazione, in virt¨ dell'art. 669 quatordecies del codice di rito, anche ai provvedimenti possessori immediati, non dÓ luogo ad un processo di esecuzione forzata, bensý ad una ulteriore fase del procedimento possessorio, che Ŕ di competenza dello stesso giudice che ha emesso il provvedimento. Ne consegue che la sede in cui si fa valere il diritto al rimborso delle spese sostenute o anticipate per l'attuazione coattiva del provvedimento cautelare possessorio Ŕ il giudizio possessorio, ed il provvedimento che statuisce su tale diritto Ŕ la sentenza che definisce il merito possessorio. Pertanto, ove la parte, per la riscossione di dette spese, inizi un autonomo processo esecutivo, il giudice dell'esecuzione pu˛ rilevare di ufficio la mancanza del titolo esecutivo, con conseguente declaratoria di improcedibilitÓ del processo, declaratoria che, essendo da ricondurre ad un difetto dell'azione da lui intrapresa, non pu˛ comportare che al creditore sia riconosciuto il diritto al rimborso delle spese del procedimento esecutivo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.