Cassazione civile Sez. III sentenza n. 538 del 24 gennaio 1996

(1 massima)

(massima n. 1)

Il terzo intervenuto volontariamente nel giudizio di convalida dello sfratto per morositÓ, ad altri intimato, per opporsi alla convalida nella asserita qualitÓ di effettivo conduttore dell'immobile assume la qualitÓ di parte legittimata ad impugnare con l'appello (e non con il ricorso per cassazione, ai sensi dell'art. 111 Cost.) il provvedimento di convalida che ritenga emesso al di fuori delle condizioni previste e non pu˛, quindi, far valere le sue ragioni con l'opposizione alla esecuzione del provvedimento di convalida, ai sensi dell'art. 615 o dell'art. 619 c.p.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.