Cassazione civile Sez. I sentenza n. 22502 del 1 dicembre 2004

(1 massima)

(massima n. 1)

L'opponente a decreto ingiuntivo il quale non si sia tempestivamente costituito in giudizio pu˛, ove il decreto non sia ancora stato dichiarato esecutivo, a norma dell'art. 647 c.p.c., a causa della mancata o tardiva costituzione, riproporre l'opposizione entro i termini di cui all'art. 641, primo e secondo comma, c.p.c., non essendo ci˛ vietato dall'art. 647 cit. (in conformitÓ all'interpretazione datane dalla Corte costituzionale nelle sentenze n. 18 del 2002 e n. 141 del 1976) e, del resto, contrastando l'opposta soluzione con i principi di cui agli artt. 3, primo comma, e 24, primo comma, Cost., nella misura in cui l'opponente si troverebbe privato, senza alcuna giustificazione connessa alle esigenze di celeritÓ tipiche del procedimento monitorio, della possibilitÓ di utilizzare pienamente il termine stabilito dalla legge per l'esercizio del diritto di opposizione, e ad essere giuridicamente trattato, senza alcuna ragionevole giustificazione, in modo diverso rispetto alle analoghe situazioni previste dagli artt. 358 e 387 c.p.c. (secondo i quali, nelle ipotesi di inammissibilitÓ o improcedibilitÓ rispettivamente dell'appello e del ricorso per cassazione, la preclusione della riproposizione dell'impugnazione anche in pendenza del relativo termine si verifica solo allorchÚ l'inammissibilitÓ o improcedibilitÓ della precedente impugnazione sia stata giÓ dichiarata dal giudice).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.