Cassazione civile Sez. III sentenza n. 5006 del 26 febbraio 2008

(1 massima)

(massima n. 1)

In sede di distribuzione della somma ricavata dall'espropriazione forzata, la contestazione della sussistenza di uno o pi¨ crediti vantati dal creditore procedente, o dai creditori intervenuti, pu˛ essere proposta anche solo verbalmente davanti al giudice dell'esecuzione. (Nella specie la S.C., rilevato che la predetta contestazione era stata formulata sia pure non nell'atto introduttivo del giudizio contenente l'opposizione al progetto di riparto ma nel verbale dell'udienza fissata dal giudice dell'esecuzione per l'approvazione del piano, in applicazione del riportato principio, ha cassato con rinvio la sentenza della corte di merito che aveva ritenuto nuova ed inammissibile la contestazione della legittimitÓ del credito per interessi anatocistici vantato dalla creditrice procedente perchÚ formulata per la prima volta in appello).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.