Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 1807 del 23 febbraio 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di proposizione dell'appello secondo il rito del lavoro, ci˛ che fa sorgere a carico dell'appellante Ś che abbia tempestivamente depositato il ricorso presso la cancelleria del giudice adito Ś l'onere di notificazione, al fine di completare la complessa fattispecie introduttiva del giudizio, Ŕ la comunicazione (dovutagli ai sensi dell'art. 435 c.p.c., nel testo risultante dalla parziale declaratoria di illegittimitÓ costituzionale di cui alla sentenza della Corte costituzionale n. 15 del 1977) dell'avvenuto deposito del decreto presidenziale di fissazione dell'udienza di discussione, in difetto della quale permane l'effetto preclusivo del giudicato conseguente al deposito suddetto, che non perde efficacia se non allorchÚ, disposta dal collegio la fissazione dell'udienza di discussione e comunicati all'appellante ricorso, decreto e verbale di udienza, lo stesso ometta la notificazione all'appellato od esegua una notificazione nulla o inesistente, senza che intervenga una valida sanatoria del vizio, come, almeno con riguardo al caso della semplice nullitÓ, la costituzione dell'appellato o la rinnovazione ex art. 291 c.p.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.