Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 10522 del 25 ottobre 1997

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel rito del lavoro, quando le risultanze di causa offrono significativi dati di indagine, il giudice non pu˛ limitarsi a fare meccanica applicazione della regola formale di giudizio fondata sull'onere della prova, ma ha il potere-dovere di provvedere di ufficio agli atti istruttori sollecitati da tale materiale ed idonei a superare l'incertezza sui fatti costitutivi dei diritti in contestazione, senza che a ci˛ sia di ostacolo il verificarsi di preclusioni o decadenze in danno delle parti. In particolare il giudice deve fare applicazione di questo principio, e formulare una richiesta di informazioni a norma dell'art. 213 c.p.c., quando una delle parti abbia la qualitÓ di pubblica amministrazione e sia l'unico soggetto in possesso dei dati contabili necessari ai fini della quantificazione del diritto dedotto in giudizio dalla controparte. (Fattispecie relativa alla domanda di medico convenzionato della medicina generale di riconoscimento da parte della unitÓ sanitaria locale delle quote di indennitÓ di carovita eccedenti l'indennitÓ integrativa speciale erogatagli con un trattamento pensionistico).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.