Cassazione civile Sez. III sentenza n. 12717 del 25 maggio 2010

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel rito del lavoro, l'esercizio di poteri istruttori d'ufficio, nell'ambito del contemperamento del principio dispositivo con quello della ricerca della veritÓ, involge un giudizio di opportunitÓ rimesso ad un apprezzamento meramente discrezionale, che pu˛ essere sottoposto al sindacato di legittimitÓ soltanto come vizio di motivazione, ai sensi dell'art. 360, primo comma, n. 5, c.p.c., qualora la sentenza di merito non adduca un'adeguata spiegazione per disattendere la richiesta di mezzi istruttori relativi ad un punto della controversia che, se esaurientemente istruito, avrebbe potuto condurre ad una diversa decisione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.