Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 882 del 1 febbraio 1988

(1 massima)

(massima n. 1)

Il diritto d'impugnazione in cassazione non si consuma finchÚ non interviene una pronuncia d'inammissibilitÓ e improcedibilitÓ del ricorso e pu˛ essere, in conseguenza, proposto nuovo ricorso, in sostituzione di quello viziato, sempre che siano osservati i requisiti di legge e non siano decorsi i termini per impugnare. Per contro, la rituale introduzione del ricorso preclude al ricorrente di denunciare altri vizi o ripetere le stesse censure con un nuovo ricorso, anche se il termine per l'impugnazione non Ŕ ancora scaduto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.