Cassazione civile Sez. I sentenza n. 7028 del 27 luglio 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel caso in cui venga proposto appello per ottenere una riduzione di quanto dovuto alla controparte per responsabilitÓ di tipo contrattuale e l'appello venga accolto, l'appellato non pu˛ mai pretendere, a titolo di risarcimento del danno, per il tempo intercorso tra la sentenza di primo grado e quella di appello, la rivalutazione della somma definitivamente riconosciutagli in misura minore, trattandosi di danno dovuto a fatto proprio (la resistenza in appello) poi rivelatosi ingiusto e non giÓ a colpevole ritardo dell'appellante.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.