Cassazione civile Sez. III sentenza n. 9763 del 18 novembre 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

L'ammissibilitÓ nel giudizio di appello, a norma dell'art. 345, comma 2, primo periodo, c.p.c., della domanda di risarcimento (o di ulteriore risarcimento) dei danni sofferti dopo la sentenza impugnata comporta una deroga al principio dell'improponibilitÓ di domande nuove in appello, disposto dal comma 1, primo periodo, dello stesso articolo. Essa, per˛, non esonera la parte dal provare la fondatezza della propria domanda ed, in particolare, che, nel periodo successivo alla sentenza di primo grado, si sia verificato il danno o l'aggravamento del danno, quando, vertendosi in tema di debito di valuta, il diritto al risarcimento si fonda sul disposto del comma 2 dell'art. 1224 c.c., il quale impone al creditore di dimostrare di aver subito un danno maggiore rispetto a quello coperto dalla corresponsione degli interessi legali.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.