Cassazione penale Sez. I sentenza n. 20479 del 13 maggio 2013

(1 massima)

(massima n. 1)

La mancata indicazione del domicilio nella richiesta di affidamento in prova e/o detenzione domiciliare non pu˛ considerarsi equivalente a una situazione di irreperibilitÓ e non pu˛ giustificare, pertanto, una declaratoria di inammissibilitÓ "de plano" da parte del Presidente del Tribunale di sorveglianza, non potendosi escludere la comparizione dell'interessato all'udienza camerale e l'indicazione in quella sede del domicilio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.