Cassazione civile Sez. I sentenza n. 11948 del 25 novembre 1998

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di impugnazione di crediti ex art. 100 della legge fallimentare, il principio secondo il quale non spetta al creditore gią ammesso l'assunzione di un ruolo di iniziativa nel giudizio di impugnazione, onde fornire nuovamente la prova del suo credito, spettando, per converso, al creditore procedente ex art. 100 l'onere di dar prova dei motivi dell'impugnazione, va interpretato nel senso che al creditore opponente č, purtuttavia, riconosciuta la facoltą di utilizzare qualsiasi elemento di conoscenza gią acquisito nel precedente procedimento di formazione dello stato passivo, inclusi i «documenti giustificativi» presentati con la domanda di ammissione del credito impugnato, al fine di contestarne l'efficacia probatoria. (Nell'affermare il suindicato principio di diritto, la Suprema Corte ha confermato la sentenza dei giudici di merito che, nell'accogliere un'impugnazione proposta ex art. 100 L. fall., avevano ritenuto che i documenti giustificativi di un credito precedentemente ammesso in favore di uno dei creditori concorsuali attenessero, in realtą, ad un debito non della societą fallita, bensģ di altra societą, il cui rappresentante legale era la stessa persona fisica della fallita).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.