Cassazione penale Sez. II sentenza n. 17761 del 2 settembre 1997

(1 massima)

(massima n. 1)

La disposizione di cui all'art. 613 c.p.p., secondo la quale l'atto di ricorso, le memorie ed i motivi nuovi devono essere sottoscritti, a pena di inammissibilitÓ, da difensore iscritto all'albo speciale della Corte di cassazione, salvo che źla parte╗ non vi provveda personalmente, deve essere interpretata come ricognitiva della facoltÓ di proporre impugnazione personalmente che il primo comma dell'art. 571 c.p.p. riconosce al solo imputato; detta disposizione, infatti, configurandosi come deroga alla regola generale della necessitÓ della rappresentanza tecnica, non pu˛ valere nei confronti di soggetti processuali che, diversi dall'imputato, non risultino in essa espressamente contemplati. (In applicazione di tale principio la Corte ha dichiarato l'inammissibilitÓ del ricorso avverso ordinanza in tema di liquidazione di spese per la custodia di cose sequestrate sottoscritta personalmente dal custode interessato).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.