Cassazione penale Sez. I sentenza n. 5098 del 13 maggio 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

Per il combinato disposto degli artt. 583 terzo comma c.p.p. (per il quale la sottoscrizione della parte privata sull'atto di impugnazione pu˛ essere autenticata, tra gli altri, dal difensore), 613 primo comma, c.p.p., 39 att. e 591 primo comma, lett. c), c.p.p., il ricorso per cassazione deve ritenersi inammissibile nell'ipotesi in cui la firma della parte privata in calce al ricorso sia autenticata da difensore che non sia iscritto nell'apposito albo della Corte di cassazione, in quanto, nella fase di avvio del giudizio in Cassazione, per difensore non pu˛ che essere inteso l'avvocato legittimato ad esercitare l'attivitÓ difensiva davanti alla Suprema Corte.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.