Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 567 del 24 gennaio 1981

(1 massima)

(massima n. 1)

╚ manifestamente infondata la questione di legittimitÓ costituzionale dell'art. 168 legge fall., in riferimento all'art. 24 Cost., nella parte in cui dispone che, dalla data della presentazione del ricorso per l'ammissione alla procedura di concordato preventivo e fino al passaggio in giudicato della sentenza di omologazione del concordato, i creditori per titolo o causa anteriore al decreto di ammissione non possono, sotto pena di nullitÓ, iniziare o proseguire azioni esecutive sul patrimonio del debitore, in quanto l'impedimento temporaneo all'esercizio delle azioni esecutive individuali, visto nella disciplina unitaria dell'istituto del concordato preventivo, mira ad assicurare la tutela giudiziale dei diritti del cittadino, ove possibile e sempre con mezzi giudiziari, anche se integrantisi con attivitÓ negoziali, in modo pi¨ conveniente e spedito che non attraverso il ricorso Ś altrimenti necessario in presenza di uno stato di insolvenza Ś alla procedura fallimentare.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.