Cassazione penale Sez. I sentenza n. 5159 del 19 novembre 1996

(1 massima)

(massima n. 1)

L'erronea applicazione dell'entitą dell'indulto da parte del giudice della cognizione, causata dall'omesso calcolo della detenzione presofferta, non č di ostacolo, sempre che la questione non abbia formato oggetto di contestazione e di risoluzione in sede cognitiva, alla determinazione, in sede esecutiva, dell'esatta pena residua da dichiarare condonata, in quanto il giudicato si forma sull'applicabilitą del beneficio, non sulla quantitą dello stesso.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.