Cassazione penale Sez. I sentenza n. 5569 del 16 dicembre 1998

(1 massima)

(massima n. 1)

╚ illegittimo il provvedimento del giudice dell'esecuzione che de plano applichi l'amnistia, dopo aver fissato la data del commesso reato non precisata dal giudice della cognizione. E invero, in materia di applicazione dei provvedimenti di generale clemenza, il giudice dell'esecuzione ha la facoltÓ di provvedere de plano quando si tratti di attivitÓ di mera constatazione della rispondenza tra la fattispecie astratta di reato desumibile dal decreto e quella concreta, fissata dai termini della sentenza irrevocabile, mentre, allorchÚ si tratti di svolgere una riconsiderazione interpretativa dei dati precostituiti nel procedimento di cognizione, Ŕ imprescindibile la procedura in contraddittorio e la conseguente necessitÓ di fissare l'udienza in camera di consiglio. (Fattispecie in cui il giudice dell'esecuzione aveva dichiarato estinto per amnistia un reato di truffa a norma del D.P.R. n. 75 del 1990, dopo avere de plano collocato il fatto in epoca antecedente al 24 ottobre 1989).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.