Cassazione civile Sez. I sentenza n. 14143 del 27 ottobre 2000

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di concordato fallimentare, nella ipotesi in cui il creditore si sia limitato ad indicare nella domanda di ammissione al passivo una sola ragione di prelazione (privilegio) ed in relazione a questa si sia formato il giudicato a seguito di opposizione allo stato passivo, detto creditore non pu˛ far valere nei confronti dell'assuntore del concordato fallimentare Ś coprendo il giudicato il dedotto ed il deducibile e potendo l'assuntore avvalersi, in quanto avente causa dal fallimento, del giudicato relativo alla causa di opposizione allo stato passivo Ś una diversa causa di prelazione (ipoteca).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.