Cassazione penale Sez. I sentenza n. 1910 del 17 febbraio 1996

(1 massima)

(massima n. 1)

Non osta alla configurabilitÓ dell'aggravante della premeditazione il fatto di avere il soggetto agente condizionato l'attuazione del proposito criminoso al mancato verificarsi di un evento ad opera della vittima, quando la condizione risolutiva si ponga come un avvenimento previsto atto a porre in crisi la pi¨ precisa e ferma risoluzione criminosa del reo: indispensabile Ŕ che quest'ultimo abbia preso una decisione preventiva caratterizzata da completezza e irreversibilitÓ, pur ipotizzando che uno specifico avvenimento possa annullare il programmato svolgersi del proposito di uccidere verso l'esito finale, giÓ perfetto nelle sue caratteristiche penalmente rilevanti.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.