Cassazione civile Sez. II sentenza n. 3549 del 29 luglio 1989

(1 massima)

(massima n. 1)

Al fine di stabilire se le opere modificatrici della cosa comune abbiano pregiudicato il decoro architettonico di un fabbricato condominiale, devono essere tenute presenti le condizioni in cui quest'ultimo si trovava prima dell'esecuzione delle opere stesse, con la conseguenza che una modifica non pu˛ essere ritenuta pregiudizievole per il decoro architettonico se apportata ad un edificio la cui estetica era stata giÓ menomata a seguito di precedenti lavori ovvero che sia di mediocre livello architettonico.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.