Cassazione civile Sez. I sentenza n. 3294 del 3 maggio 1988

(1 massima)

(massima n. 1)

La controversia promossa per conseguire una pronuncia di condanna generica al risarcimento del danno, con il riconoscimento della mera astratta idoneitÓ di un determinato fatto alla produzione di effetti dannosi, salva restando ogni ulteriore questione sulla concreta sussistenza del danno medesimo, non ha ad oggetto la individuazione di un credito, e, pertanto, resta insensibile alla sopravvenienza del fallimento del convenuto, sottraendosi tanto alle regole di competenza di cui all'art. 24 della legge fallimentare, quanto alle disposizioni dettate dall'art. 95 della legge stessa in tema di verificazione dei crediti, nÚ pu˛ essere soggetta a sospensione, in relazione all'eventuale pendenza di opposizione avverso la mancata ammissione al passivo del credito, avendo l'indicato accertamento un carattere logicamente prioritario rispetto alle questioni devolute al giudice di tale opposizione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.