Cassazione civile Sez. I sentenza n. 4778 del 2 maggio 1991

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini dell'operativitÓ dell'istituto della riserva di impugnazione, una sentenza pu˛ considerarsi non definitiva, non giÓ in base alla qualificazione attribuitale dal giudice a quo o alla circostanza che questi abbia rimesso a successiva sentenza la pronuncia sulle spese processuali, bensý tenendo conto dell'effettivo contenuto della decisione, con la conseguenza che la natura non definitiva va riconosciuta quante volte la sentenza non conclude l'intera controversia, esaurendo il potere giurisdizionale del giudice adito nei confronti delle parti in contesa, ma statuisca soltanto su questioni pregiudiziali o su alcune domande o su alcuni capi dell'unica domanda o, infine, sull'an, rinviando alla pronuncia definitiva la decisione delle altre domande o degli altri capi ovvero la liquidazione del quantum.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.