Cassazione penale Sez. III sentenza n. 1002 del 4 luglio 1992

(1 massima)

(massima n. 1)

Il sequestro di cui all'art. 253 nuovo c.p.p. deve essere adottato sulla base di esigenze probatorie e non per impedire la perpetrazione di altri eventuali reati futuri o per rendere possibile provvedimenti eventualmente conseguenziali alla sentenza di condanna, non rientrando tali finalitā tra quelle legislativamente previste. Il provvedimento di sequestro deve dare conto della verifica della sussistenza delle suddette esigenze, con motivazione adeguata idonea a convincere della necessitā della misura adottata.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.