Cassazione civile Sez. I sentenza n. 16915 del 11 novembre 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

Nell'azione revocatoria ordinaria il pregiudizio arrecato alle ragioni del creditore consiste nella insufficienza dei beni del debitore ad offrire la garanzia patrimoniale, essendo irrilevante una mera diminuzione di detta garanzia; nell'azione revocatoria fallimentare, che concerne atti posti in essere quando giÓ sussisteva lo stato di insolvenza, il carattere pregiudizievole dell'atto non pu˛ essere valutato in relazione alla sufficienza dell'attivo fallimentare al pagamento del passivo, poichÚ detta circostanza non esclude l'insolvenza, e va invece valutato in riferimento all'aggravamento dell'insolvenza, potendo consistere nella lesione della par condicio creditorum ossia nella violazione delle regole di collocazione dei crediti, implicando inoltre le ipotesi di revocatoria fallimentare (art. 67, l. fall.) una presunzione di danno, cosicchÚ grava sul convenuto in revocatoria l'onere di dimostrarne l'insussistenza.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.