Cassazione civile Sez. III sentenza n. 1151 del 15 febbraio 1980

(2 massime)

(massima n. 1)

Il principio di cui all'art. 266 c.p.c., secondo cui la revisione del conto che la parte ha approvato pu˛ essere chiesta soltanto in caso di errore materiale, omissione, falsitÓ o duplicazione di partite si applica non solo nell'ipotesi di normale accettazione del conto, ma anche allorchÚ, in luogo dell'accettazione, il conto si sia chiuso con la prestazione del giuramento estimatorio che il collegio pu˛ deferire al creditore.

(massima n. 2)

In caso di deferimento del giuramento estimatorio, la determinazione dell'importo da valere come limite di efficacia probatoria costituisce valutazione di merito, insindacabile in sede di legittimitÓ.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.