Cassazione civile Sez. II sentenza n. 10575 del 10 dicembre 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

L'art. 1105 c.c. prevede il ricorso all'A.G., che provvede in camera di consiglio, nell'ipotesi in cui la deliberazione dei partecipanti alla comunione relativa all'amministrazione della cosa comune non venga eseguita dagli stessi partecipanti, ovvero dall'amministratore nel caso in cui questo sia stato nominato. ╚ inammissibile, pertanto, il ricorso alla procedura anzidetta per la declaratoria di esecutivitÓ della deliberazione (che integra un atto negoziale privato) nei confronti di soggetti estranei alla comunione medesima.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.