Cassazione civile Sez. I sentenza n. 7946 del 31 marzo 2010

(1 massima)

(massima n. 1)

Nella procedura di amministrazione controllata, il termine perentorio di sessanta giorni per la proposizione del ricorso straordinario per cassazione avverso il decreto di liquidazione del compenso al commissario giudiziale decorre dalla comunicazione o notificazione agli interessati, eseguita dall'ufficio competente (non essendo necessaria la notifica del provvedimento ad istanza di parte, secondo la regola generale di cui all'art. 327 c.p.c., derogata eccezionalmente "in subiecta materia" per la specificitÓ degli interessi tutelati e l'esigenza di celere definizione del procedimento), cui pu˛ dirsi equipollente soltanto la comunicazione, ad opera del cancelliere e sia pur "brevi manu", per presa visione del provvedimento, mentre il "dies a quo" non pu˛ essere in nessun caso individuato in relazione alla conoscenza di fatto del provvedimento stesso desunta "aliunde".

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.