Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 9888 del 20 settembre 1991

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini della valutazione probatoria delle dichiarazioni di un soggetto non pu˛ prescindersi dalla qualificazione formale da lui assunta nel processo in cui sono state rese. Ne consegue che, dovendosi ascrivere la qualitÓ di imputato soltanto a chi sia stato contestato un reato, deve essere considerato teste chi sia stato sentito nel processo senza che gli sia stata elevata in esso alcuna imputazione o senza che, in altro processo, gli sia stata elevata imputazione per lo stesso reato o per reato connesso. Pertanto, ai fini della valutazione della prova, mentre non pu˛ porsi in tale caso la necessitÓ di riscontri, ai sensi dell'art. 192, terzo comma, c.p.p., rispetto a dichiarazioni che non abbiano acquistato la formale veste di chiamata di reitÓ o di correitÓ, il giudice deve porsi soltanto il problema dell'attendibilitÓ del teste, in quanto non disinteressato. (Fattispecie in tema di dichiarazioni rese da acquirente di modica quantitÓ di droga in ordine alla posizione del suo fornitore).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.