Cassazione civile Sez. I sentenza n. 18175 del 9 settembre 2004

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di fallimento, il provvedimento con il quale il giudice delegato, esaminando una proposta di concordato e la conseguente istanza di sospensione della vendita degli immobili, rigetti quest'ultima Ś giudicando contestualmente non conveniente la proposta di concordato Ś, pu˛ essere impugnato con reclamo al tribunale, ma l'eventuale decreto confermativo del suddetto provvedimento non pu˛, sotto alcun profilo, risultare impugnabile con ricorso per cassazione ex art. 111 della Costituzione, attesane la mancanza di autonomia e la non scindibilitÓ dal provvedimento di rigetto della proposta di concordato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 25 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.