Cassazione civile Sez. II sentenza n. 22841 del 25 ottobre 2006

(1 massima)

(massima n. 1)

In carenza di una specifica comminatoria di nullitą, il mancato rispetto delle norme relative alla dettatura e alla redazione del processo verbale (artt. 57 e 130 c.p.c.) non vizia l'udienza civile e non rende gli atti in essa compiuti inidonei al raggiungimento del loro scopo, tenuto conto, altresģ, che con la sottoscrizione del giudice viene ugualmente soddisfatta la finalitą sostanziale di attribuire pubblica fede a quanto documentato nel verbale medesimo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.