Cassazione civile Sez. II sentenza n. 20715 del 22 novembre 2012

(1 massima)

(massima n. 1)

In base all'art. 100 dello Statuto della Regione Trentino-Alto Adige, diretto a tutelare una minoranza linguistica territoriale, soltanto "i cittadini di lingua tedesca della provincia di Bolzano" hanno la facoltÓ di usare la loro lingua nei rapporti con gli uffici giudiziari, sicchÚ un cittadino di lingua tedesca non residente nella provincia di Bolzano non pu˛ redigere in tedesco l'atto introduttivo del giudizio, ma deve attenersi alla regola generale dell'uso della lingua italiana, posta dall'art. 122 c.p.c., incorrendo, altrimenti, in una nullitÓ rilevabile d'ufficio in ogni stato e grado del processo, ai sensi dell'art. 23 bis del d.p.r. n. 574 del 1988, aggiunto dall'art. 11 del d.l.vo n. 283 del 2001, salva la sanatoria per raggiungimento dello scopo, ove il convenuto si costituisca in giudizio ed accetti l'uso della lingua tedesca, in tal modo qualificando il processo, ai sensi dell'art. 20 del d.p.r. n. 574, come processo "monolingue" in tedesco.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.