Cassazione civile Sez. II sentenza n. 1132 del 11 febbraio 1985

(1 massima)

(massima n. 1)

Il proprietario di un appartamento sito in un edificio condominiale non pu˛ eseguire nella sua proprietÓ esclusiva opere che, in contrasto con quanto stabilito dalla norma dell'art. 1122 c.c., rechino danno alle parti comuni dell'edificio stesso, nÚ, a maggior ragione, opere che, attraverso l'utilizzazione delle cose comuni, danneggino le parti di un'unitÓ immobiliare di proprietÓ esclusiva di un altro condomino. (Nella specie, in applicazione del surriportato principio la S.C. ha confermato la decisione di merito con cui si Ŕ ritenuto che al proprietario di un appartamento non sia consentito costruire sul suo balcone una veranda in appoggio al muro comune dell'edificio condominiale la quale raggiunga l'altezza del piano superiore diminuendo il godimento dell'aria e della luce al proprietario del piano contiguo).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.