Cassazione civile Sez. Unite sentenza n. 875 del 22 gennaio 2003

(2 massime)

(massima n. 1)

Il successore a titolo particolare nel diritto controverso assume la qualitÓ di litisconsorte solo quando intervenga, o sia chiamato in causa, od eserciti la facoltÓ di impugnare la sentenza sfavorevole all'alienante, secondo le previsioni dell'art. 111, terzo e quarto comma, c.p.c.

(massima n. 2)

Le disposizioni processuali in materia di contraddittorio rispondono a canoni imperativi, sottratti alla disponibilitÓ delle parti; ne deriva che una cessio actionis, dal lato attivo o passivo, concordata con il trasferimento del diritto controverso, non pu˛ comportare successione nel processo oltre i casi contemplati dall'art. 110 c.p.c., salva restando l'eventuale rilevanza del patto quale impegno ad un futuro consenso all'estromissione del dante causa, ai sensi dell'art. 111, terzo comma, c.p.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.