Cassazione civile Sez. Unite sentenza n. 3796 del 14 giugno 1980

(1 massima)

(massima n. 1)

Qualora, nel corso del giudizio di opposizione avverso la dichiarazione di fallimento, il fallito chieda l'estensione della procedura concorsuale ad una società con sede nella Repubblica francese, tale domanda, da intendersi come istanza per l'instaurazione di un autonomo fallimento, spetta alla competenza del giudice francese, restando sottratta alla cognizione del giudice italiano, ancorché detta società svolga in Italia parte della sua attività mediante succursali, atteso che l'art. 20 secondo comma della Convenzione italo — francese in materia civile e commerciale del 3 giugno 1930 (resa esecutiva in Italia con L. 7 gennaio 1932 n. 45 e rimessa in vigore con scambio di note dell'1 ed 11 marzo 1948), il quale è norma speciale derogativa della norma generale dettata dall'art. 9 del R.D. 16 marzo 1942, n. 267, devolve la dichiarazione del fallimento di una società all'autorità di quello dei due Stati in cui la stessa abbia la propria sede.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.