Cassazione penale Sez. III sentenza n. 107 del 3 marzo 1997

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di coltivazione di cave la competenza esclusiva riconosciuta alla regione dallo statuto speciale della Regione Siciliana (art. 14 lett. f, e lett. h) non menoma le competenze del giudice penale in materia di tutela ambientale. Per tale ragione, pur prevedendo la legge della regione siciliana 9 dicembre 1980, n. 127 che l'autorizzazione rilasciata per l'attivitā estrattiva dal distretto minerario escluda la necessitā della concessione sindacale di natura urbanistica (sostituita da un attestato sindacale di conformitā urbanistica e da un'approvazione di massima da parte del comune), e pur prevedendo inoltre la legge regionale che l'autorizzazione da parte del distretto minerario possa essere rilasciata quando il parere dell'autoritā preposta al vincolo paesistico, richiesta, non sia comunicata entro sessanta giorni, nondimeno č legittimo il sequestro di una cava attivata in mancanza del nulla osta della sovrintendenza ai beni culturali e ambientali in relazione alla violazione dell'art. 734 c.p. e 1 sexies legge 8 agosto 1985, n. 431. La norma infatti deve essere interpretata nell'unico modo compatibile con i principi costituzionali e cioč nel senso che, pur potendo l'autoritā mineraria rilasciare l'autorizzazione, rimane impregiudicato il problema della conformitā ai vincoli ambientali e la mancanza dell'autorizzazione della sovrintendenza integra l'ipotesi contravvenzionale prevista dall'art. 1 sexies legge 8 agosto 1985, n. 431, che č reato formale di pericolo presunto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.