Cassazione civile Sez. II sentenza n. 2107 del 15 marzo 1990

(1 massima)

(massima n. 1)

Il giudice del merito, nell'interpretazione del testamento, la quale si risolve in un accertamento di fatto insindacabile in sede di legittimitÓ se immune da vizi logici e giuridici, pu˛ attribuire alle espressioni adoperate nell'atto un significato diverso da quello tecnico o letterale, purchÚ non contrastante o antitetico, quando valutando la scheda nel suo complesso e tenendo conto dell'ambiente di vita del de cuius, tale diverso significato si presti ad esprimere in modo pi¨ adeguato e coerente la reale intenzione del defunto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.