Cassazione penale Sez. II sentenza n. 29956 del 17 luglio 2009

(1 massima)

(massima n. 1)

Il delitto di appropriazione indebita di cose smarrite si differenzia dal delitto di ricettazione perchÚ postula sia il requisito obiettivo, per il quale la cosa sia stata effettivamente smarrita e sia, perci˛, uscita dalla sfera di sorveglianza del possessore, che quello subiettivo, per il quale occorre che colui, il quale la deteneva, non sia pi¨ in condizione di riacquistare il primitivo stato di fatto sulla cosa stessa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.