Cassazione penale Sez. II sentenza n. 4018 del 23 febbraio 2000

(1 massima)

(massima n. 1)

Il fatto che taluno, essendo cointestatario a firma disgiunta di un conto corrente bancario, possa prelevare, con il consenso espresso o tacito degli altri intestatari, somme eccedenti la propria quota, non č di ostacolo alla configurabilitā a suo carico del reato di appropriazione indebita, qualora tali prelievi siano effettuati in assenza di detto consenso.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.