Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 6791 del 7 giugno 1988

(1 massima)

(massima n. 1)

Negli atti di gestione di un'impresa bancaria non è ravvisabile l'esercizio di una pubblica funzione o di un pubblico servizio con la conseguenza che, venuta meno la qualità di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio in capo ai dipendenti, l'appropriazione di alcuni blocchetti di assegni compiuta da uno di essi, con approfittamento di tale qualità, integra gli estremi del reato di appropriazione indebita aggravata ai sensi dell'art. 61 n. 11 c.p., non quella del reato di peculato di cui all'art. 314 c.p.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.