Cassazione penale Sez. II sentenza n. 2532 del 10 giugno 1998

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di circonvenzione di persone incapaci, lo stato di infermitā o deficienza psichica della persona, pur non dovendo necessariamente consistere in una vera e propria malattia mentale, deve pur sempre provocare una incisiva menomazione delle facoltā di discernimento o di determinazione volitiva, tale da rendere possibile l'intervento suggestivo dell'agente; deve, cioč, essere esclusa la capacitā del circonvenuto di avere cura dei propri interessi. Questa condizione di incapacitā del soggetto passivo costituisce un presupposto del reato, e pertanto il giudizio di colpevolezza puō fondarsi solo sull'assoluta certezza della sua sussistenza.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.